Il melograno: dall'oriente alla conquista del mondo

Il melograno è una pianta orientale, "forestiera" per noi. Originaria dell'Asia Minore, si è diffusa nel bacino del Mediterraneo prima e in altre zone del mondo poi. Ormai è coltivata in vaste aree del mondo sia nelle varietà tradizionali che di nuova introduzione, con ottime opportunità di sviluppo soprattutto nei paesi che riescono ad abbinare in modo virtuoso clima idoneo e bassi costi di produzione.

Le popolazioni orientali, che amano le varietà più dolci di questo frutto, ne hanno creato un ampio mercato naturale in Algeria, Tunisia, Marocco ed Egitto, paesi che si sono perciò industriati nella coltivazione della pianta. In alcune regioni dell'India si coltivano varietà che, grazie ad opportune tecniche di defogliazione controllata, possono addirittura arrivare a produrre frutti in tre periodi differenti dell'anno.

In Israele la melagrana viene coltivata con tecniche moderne; proliferano le varietà autoctone come la Acco e, recentemente, sono stati creati ibridi per arrivare a produrre in due periodi, gennaio e giugno.

Ponte tra Europa e Asia, la Turchia è un paese tradizionalmente coltivatore di melograno. La più diffusa è la varietà agrodolce Hicaz, simile alla Wonderful anche per il colore, rosso acceso.

Il frutto della salute prende piede in Europa

In Europa la fa da padrona la Spagna, che è il principale produttore nonché esportatore del continente. Accanto alle varietà tradizionali, Mollar de Elche e Valenciana,  stanno prendendo piede Wonderful, Acco e Parfianka. Poichè gli spagnoli, come gli orientali, apprezzano le varietà più dolci, la varietà Wonderful viene destinata principalmente all’esportazione.

La vicinanza con la Spagna ha influito sulla diffusione della coltivazione del melograno in Portogallo, dove ormai sono sorte importanti realtà produttive di Acco e Wonderful. La parte meridionale del Portogallo, in particolare, grazie al clima mite, consente di raccogliere le varietà più precoci in anticipo rispetto al resto d'Europa, proprio come in Israele.

Zone di coltivazione della melagrana in Italia

In Italia è molto apprezzata la varietà Wonderful, agrodolce e col seme non duro, ma sono diffuse anche la Acco e la cultivar autoctona Dente di Cavallo.
Visto che la pianta per prosperare ha bisogno di inverni miti, estati calde, mentre al contrario soffre l'elevata piovosità estiva e l'umidità, come si può facilmente immaginare le sue zone d'elezione sono quelle centro-meridionali (sono varietà di origine siciliana il Selinunte e il Dolce di Sicilia), Puglia, Calabria, Lazio e Campania. Inaspetattamente però, negli ultimi anni - complici la consapevolezza di tutti i benefici per la salute apportati da questo straordinario frutto, la diffusione di spremitori pratici e funzionali e la destagionalizzazione del consumo - si sta diffondendo con successo anche in Toscana (dove vide la luce la Melagrana di Firenze), Marche, Emilia Romagna e Veneto. Prende piede man mano anche in Italia la coltivazione biologica.

La coltivazione di melograni Wonderful è diventata comune anche in Grecia, dove è ormai più diffusa persono delle cultivar locali, come la Hermione (più dolce).

Sempre più a ovest...

Spostandoci ancora più a ovest, la varietà Wonderful, più acidula, è la più apprezzata e coltivata negli Usa, in particolare in California, anche se hanno manifestato interesse verso tale pratica anche altri paesi tra cui Arizona, Florida e Georgia.

Per non tralasciare alcun continente, anche l'Australia è ormai terra di melagrane; vi si stanno vagliando infatti le diverse cultivar. L'interesse per il frutto della salute è tale che proprio in quest'isola nel 2021 si è tenuto il simposio internazionale dell’ISHS - International Society for Horticultural Science sul melograno.

Se vuoi assicurarti 365 giorni all'anno la scorta di questo frutto cosmopolita conta pure su iMelo!

Abbiamo parlato delle varietà di melograno di tutto il mondo, non potevamo non chiudere in bellezza la nostra carrellata con una cultivar di melagrane italiane.

Melograno Gigante del Convento

Oggi ci occupiamo della varietà di melograno Gigante del Convento che, in quanto made in Italy, è diffusa in diverse Regioni.

Come tutte le varietà ha bisogno per crescere di un'esposizione soleggiata. Patisce le basse temperature, con danni irreparabili se esse calano oltre i 10 gradi sotto zero. La sua coltivazione d'altro canto non richiede terreni particolari, adattandosi bene anche a quelli più poveri.

Frutti

I frutti del melograno Gigante del Convento maturano in settembre - ottobre. Diametro di 12-13 cm, la loro pezzatura è, come suggerisce il nome, "gigante", tanto che una singola melagrana può superare i 700 grammi di peso. Sono molto dolci; all'esterno presentano una buccia di colore giallo, con sfumature biancastre.

Le melagrane della varietà Gigante del Convento sono ottime sia da consumare fresche che spremute, in purezza o abbinate ad altri agrumi.

Continuiamo con la nostra carrellata delle diverse varietà di melograno.

Mollar de Elche: la varietà che viene dalla Spagna

Oggi è la volta della melagrana Mollar de Elche. Questa varietà di origine spagnola è autofertile, molto vigorosa e produttiva.

La pianta - molto resistente, sia al trasporto che alla manipolazione - può assumere portamento cespuglioso o arbustivo. Come tutte le varietà di melograno soffre i ristagni d'acqua e le basse temperature (inferiori ai -10°C). Predilige un'esposizione soleggiata e innaffiature regolari, ma non abbondanti.

Caratteristiche dei frutti

Questa varietà di melograno matura a inizio ottobre. I frutti, di media pezzatura, presentano una forma arrotondata. Sono di colore rosso piuttosto chiaro, sfumati di giallo, con la scorza di spessore medio.

La melagrana Mollar de Elche è tra le varietà commestibili più apprezzate. Gli arilli, rosati, hanno infatti un sapore dolce e presentano semi molto teneri.
I frutti sono perfetti sia da mangiare freschi che da spremere (in maniera immediata con lo spremitore iMelo) perchè ricchi di succo e il loro periodo di conservazione dura circa un mese.

Il melograno è una pianta la cui coltivazione ultimamente è in forte aumento, di pari passo alla richiesta dei suoi frutti, il cui consumo è in crescita sia freschi che in fantastiche spremute, in purezza o mixati ad altri agrumi.

I vantaggi sono parecchi, dalla produzione elevata alla remuneratività, senza trascurare la semplicità di conduzione dell'impianto.

Il nome scientifico della specie da frutto è Punica granatum e può avere un portamento arboreo o arbustivo, a seconda delle modalità di gestione. Ne esistono specie che producono frutti commestibili e non. Tra le prime sicuramente una delle varietà più coltivate in Italia è la Wonderful, che produce frutti deliziosi, grandi e colorati.

Il melograno però può essere coltivato in giardino anche per fini ornamentali, vista la bellezza dei suoi fiori dal colore rosso-aranciato, molto appariscenti, che si possono ammirare dalla tarda primavera sino all'estate.

Coltivazione del melograno

La coltivazione del melograno si effettua solitamente in terra; raramente si opta per vasi di plastica di diametro minimo 35 cm o per la coltivazione in serra, se il clima non è suffucientemente caldo.

Condizioni climatiche

Il melograno patisce il freddo, specie se la temperatura scende sotto i 10° sotto zero. Per questo motivo in Italia è coltivato principalmente al Centro e al Sud, oltre che in Sicilia, ovvero dove il clima è temperato-caldo. Per dare i frutti necessita infatti di temperature diurne superiori ai 30°C.

Moltiplicazione

Per la moltiplicazione si può procedere tramite:

  1. talea - in autunno si prelevano parti legnose di una pianta di 1-2 anni e le si colloca in contenitori con terriccio, torba e sabbia, irrigando spesso le piantine
  2. divisione per pollone - si prelevano delle parti di pianta con alcune radici e le si trapianta a dimora; in precedenza si avrà avuto cura di riempire un buco delle dimensioni adeguate con terriccio per la semina e compost organico
  3. seme - si interrano i semi in piccoli vasi con terriccio generico, sabbia e torba o, in alternativa, nel terreno del giardino/orto; l'importante è mantenere i semi umidi e a una temperatura non inferiore ai 20 gradi.

Terreno

L'ideale è un terreno sciolto, senza ristagni idrici; il melograno predilige terreni dal pH neutro, mentre non patisce il calcare o i terreni poveri di ferro.

Messa a dimora

Il periodo migliore per la messa a dimora è la primavera o l'autunno, cercando di evitare i periodi più freddi o piovosi.

Tra una pianta e l'altra e tra le diverse file è consigliabile tenere una distanza di 5 metri in caso di portamenti ad alberello e terreni particolarmente fertili, da poter ridurre fino a non meno di 3 metri in caso di terreni poveri e portamenti cespugliosi.

Innaffiatura

Se le temperature sono particolarmente elevate, bisogna innaffiare le piantine per qualche giorno consecutivo con 2-3 l d’acqua piovana, da somministrare di sera uniformemente sull’apparato radicale, senza bagnare il tronco.

Le piante in vaso invece vanno irrigate manualmente, regolando la quantità di acqua necessaria affinché il terreno sia sempre appena umido sotto la superficie.

Concimazione

Quando la pianta viene messa a dimora, per far sì che si adatti alla sua nuova posizione, è preferibile utilizzare un concime equilibrato, all'incirca 20 g per pianta ogni due mesi. In alternativa si può optare per un composto organico oppure del letame maturo, 1 kg ogni 4 mesi.

Nel caso di melograni coltivati in vaso bisogna avvalersi di concimazione liquida. Il prodotto, equilibrato, va somministrato in concomitanza con le diverse innaffiature.

Impianti

L’altezza dell’albero raggiunge massimo i 3 metri. Stessa altezza devono avere i pali in cemento da interrare per la coltivazione. L'impianto del melograno consta di pali collegati tra di loro da cavi e fili d'acciaio tenuti in tensione.
Per quanto riguarda il sostegno alle piante, esso viene fornito da braccetti leggeri a forma di Y, di cui si regola l'inclinazione per lasciare ai frutti la miglior esposizione possibile al sole e nel contempo un valido supporto alla pianta.

Potatura

La pianta del melograno produce alla base dei ricacci. Tali ramificazioni, chiamate polloni, vanno rimosse all'attaccatura (con cesoie o seghetti) per permettere alla chioma una crescita corretta.
Nel caso di forma ad alberello la prima potatura dovrà essere tra gli 80 cm e 1 m d’altezza, mentre per le successive ci si potrà limitare ad eliminare solo le ramificazioni malate o danneggiate.
Se la forma è a cespuglio, più naturale, non è necessario eliminare i polloni basali, solo i getti vecchi.
In entrambi i casi è fondamentale sfoltire la ramificazione interna, per permettere alla luce di penetrare.

Raccolta

Le melagrane si raccolgono in autunno; il momento specifico si capisce perché la buccia assume una tonalità rosso acceso o giallo. Utilizzando le cesoie per tagliare i gambi si scongiurano i rischi di danneggiare pianta e frutto.
Indicativamente la raccolta può iniziare dal mese di ottobre e durare per tutto il mese di novembre.

Malattie

Sono diversi gli insetti che possono danneggiare i giovani germogli, gli steli fiorali e le parti più tenere del melograno; tra questi rientrano afidi, aleirodi e ragnetti rossi.
La pianta del melograno può anche essere colpita da malattie crittogamiche quali muffa grigia e alternariosi.

Se dopo tutto questo compendio si rientra comunque nella maggioranza che ha un rapporto solo con la melagrana e non con il melograno... allora il consiglio è quello di fare sempre di scorta di salute con iMelo, che consente tutto l'anno di acquistare comodamente online frutti di prima scelta!

Ricevi gratis l'ebook

Melagrana, che passione!

Tanti consigli, ricette e curiosità sul frutto della salute
Accetto la privacy policy

Acquista online il tuo benessere quotidiano!

Spremitore professionale, melagrane fresche, succhi e kit su misura per te.
VAI ALLO SHOP
Imelo
crossmenu
Siamo anche su Whatapp!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram