Linguine al nero di seppia con melagrana

linguine-al-nero-di-seppia

Un primo piatto della tradizione rivisitato grazie ad un… tocco di rosso. Stiamo parlando delle linguine al nero di seppia – che il galateo sconsiglia di servire per via del nero che rimane sui denti dei commensali – ma che, già buonissime, con l’aggiunta della melagrana diventano davvero davvero speciali.

Linguine al nero di seppia con melagrana: ingredienti per 4 persone

  • linguine – 320 g
  • seppie – 750 g
  • aglio – 1 spicchio
  • olio evo – q.b.
  • vino bianco – q.b.
  • peperoncino – q.b.
  • una melagrana grande o due piccole
  • sale q.b.

Linguine al nero di seppia: preparazione

Per prima cosa sgrana la melagrana e tieni gli arilli da parte.

Passa poi alla parte meno immediata della ricetta, cioè la pulitura delle seppie. Per ognuna pratica un taglio sul dorso e togli l’osso. Poi aprila facendo attenzione a non rompere la sacca con l’inchiostro (che metterai da parte coprendola con un tovagliolo umido in modo che non si asciughi).
Togli quindi l’occhio e il dente centrale, spela la testa e sciacqua sotto l’acqua corrente la seppia ormai pulita, infine tagliala a listarelle. Procedi così per ognuna e mettile poi a rosolare in una padella con olio d’oliva, l’aglio sbucciato (da togliere dalla padella non appena diventa dorato) ed il peperoncino, sfumandole con il vino bianco, per circa 5 minuti – la durata esatta dipende dalle dimensioni e dalla tenerezza delle seppie.

Aggiungi quindi un pizzico di sale e le sacche con l’inchiostro, schiacciale bene col cucchiaio e gira bene il tutto, ultimando la cottura.

In una pentola con acqua bollente salata cuoci le linguine, scolale al dente nella padella con le seppie e termina la cottura della pasta un minuto girandola bene in modo che si prenda di gusto e di… colore 😉

A fuoco spento incorpora gli arilli, dai un’ultima mescolata e servi in tavola queste deliziose linguine al nero di seppia con melagrana, una vera bontà!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Siamo anche su Whatapp!