Melagrana: sai come mangiarla secondo il bon ton?

melagrana a tavola

Eccoti, invitato a cena per la prima volta a casa dei futuri suoceri, dove non vuoi assolutamente fare brutta figura, o magari ad un pranzo formale, vestito bene, terrorizzato all’idea di macchiarti perché subito dopo hai un impegno di lavoro improrogabile.

“Ormai il peggio è passato!” – pensi con un sospiro di sollievo, “manca solo la frutta!”… Ma ecco che, inaspettatamente, al posto della classica macedonia, ti viene servita una melagrana.

Il panico si impossessa di te: come mangiarla in maniera corretta e senza fare disastri, evitando schizzi rossi di simil-sangue ovunque?

Il mio primo consiglio è… fingiti morto 😉 ! Altrimenti mettiti d’accordo con un amico che ti chiamerà, così da offrirti la scusa di fuggire per improvvise urgenze familiari…

Scherzi a parte, cosa consiglia il galateo?

In generale la frutta va servita a tavola come ultima portata, meglio se con del ghiaccio sotto, già lavata; va mangiata, se possibile, con coltello e forchetta.

Nel caso della melagrana, se ti trovi il frutto intero nel tuo piattino – che assomiglia più ad un dispetto della padrona di casa e se si tratta della suocera già si inizia male 😉 – devi tagliarla a metà (ovviamente senza mai toccarla con le mani) con coltello e forchetta e poi estrarne gli arilli, aiutandoti con un cucchiaino.

arilli-cucchiaino

Se invece sei a casa tua ti suggerisco, per gustarla col minimo sforzo, ma sempre secondo i dettami del bon ton, di tagliarla a metà, sgranarla in modo immediato con un apposito sgranatore e servire direttamente gli arilli in coppette di vetro, con lo zucchero a parte. Gli ospiti potranno così godersela comodamente con cucchiai da dessert, con punta quadrata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Siamo anche su Whatapp!