Il portale di riferimento sulla melagrana

Alcuni spunti per cominciare a prenderci cura di noi a colazione

I nutrizionisti sostengono all’unanimità che fare colazione è importantissimo, per fare subito un pieno di energia e per accelerare il metabolismo. Mangiare della frutta al mattino serve ad apportare zuccheri facilmente assimilabili dall’organismo (il fruttosio), nonché acqua, vitamine, fibre e sali minerali ed è particolarmente indicato nelle diete povere di grassi.

Tra i vari frutti prediligiamo la melagrana: non soltanto è ipocalorica e depurativa, ma contiene al suo interno sostanze antiossidanti (i flavonoidi) che apportano innumerevoli benefici al nostro organismo, tra cui miglioramenti estetici (effetti antinvecchiamento e anticellulite); i suoi semi, inoltre, contribuiscono alla prevenzione di malattie anche gravi, come i tumori.

Possiamo integrare nella nostra alimentazione questo preziosissimo alimento mangiando i suoi chicchi o spremendone il succo.

Ecco qui alcune alternative per una colazione al top:

  • Molto gustoso, ma semplice, il mix di yogurt (in alternativa ad una tazza di latte), fiocchi di cereali (meglio se integrali), chicchi di melagrana, uva sultanina, mandorle (o nocciole) e frutta di stagione a scelta da accompagnare con un caffè o un tè caldo, soprattutto nella stagione invernale
  • Per una colazione più “tradizionale” si può spremere il succo di melagrana con l’apposito spremitore e berlo da solo, oppure centrifugandolo con altri frutti (ottimo l’accostamento con la mela), da provare in alternativa al più classico ACE. L’ideale è accompagnarlo con dei biscotti e un paio di frutti secchi (noci, mandorle o anacardi).
  • Un po’ più lungo nella preparazione, ma veramente gustoso, è il pudding al melograno. Vediamone come procedere nel dettaglio:

Pudding di semi di chia al melograno. Ingredienti:

  • 200 g latte di mandorla
  • 45 g semi di chia
  • 2 cucchiaini di polvere di cocco (o 2 amaretti)
  • mezzo baccello di vaniglia 
  • mezza melagrana 

Preparazione:

Unite i semi di chia – piccoli semi neri provenienti dalla pianta Salvia Hispanica, originaria dell’America del Sud – al latte di mandorla, aggiungete i semi della bacca di vaniglia e il cocco e mescolate il tutto per un minuto.

Mescolate poi ogni quarto d’ora per altre 3 volte (per evitare che si formino dei grumi) e lasciate riposare l’impasto in frigo tutta la notte.

Prima di gustare aggiungete i chicchi della melagrana, precedentemente sgranata.

In alternativa al cocco potete fare una variazione aggiungendo alla fine due amaretti sbriciolati.



Dallo shop iMelo


Pin It on Pinterest